Colori pitture per esterni: la guida per scegliere correttamente


Colori pitture per esterni: la guida per scegliere correttamente

La facciata di una casa è anche il suo biglietto da visita, che ne delinea lo stile e la personalità; per questo motivo è molto importante scegliere correttamente i colori delle pitture per esterni.

Insieme alle tonalità più adeguate a ogni contesto, è buona norma valutare anche il tipo di materiale che si intende utilizzare, allo scopo di optare per il prodotto più in linea con le proprie esigenze, tanto estetiche quanto funzionali.

Ecco allora qualche consiglio utile per non sbagliare.

Colori pitture per esterni: le differenze per tipologie di case

Quando si sceglie il colore per la facciata esterna della casa - e su Lovebrico.com ne trovi davvero tanti - è opportuno considerare anche la tipologia a cui questa appartiene.

Casa moderna

Un’abitazione moderna, per esempio – sia essa una villetta indipendente o un condominio – presenta solitamente geometrie sobrie e un design minimal.

Di conseguenza, i colori più adatti per pitturarla saranno il bianco, che contribuisce ad accrescere non solo l’impressione di spaziosità, ma anche a far sembrare la casa più linda e ordinata; il grigio, elegante e contemporaneo e il tortora, discreto ma al tempo stesso ricercato e in grado di creare combinazioni di grande effetto, soprattutto se abbinato a un’altra tonalità per far risaltare volumi e rientranze.

Un altro colore sorprendentemente sempre più richiesto per gli esterni delle case è il nero, che, valorizzato dalla giusta illuminazione, donerà a un’abitazione moderna fascino e raffinatezza.

Casa in campagna

Chi abita in campagna, invece, di solito preferisce optare per colori delle pitture per esterni più allegri e vivaci, che ben si intonano con un contesto bucolico.

Tra le tinte più gettonate spicca sicuramente il verde, nelle sue diverse sfumature, utilizzato tanto per i muri quanto per tapparelle, persiane e persino portoni.

Particolarmente apprezzate anche le nuance dell’autunno, declinate in colori caldi come giallo, marrone, arancione e rosso.

Queste tonalità sono spesso abbinate fra loro, tra muri, elementi architettonici e infissi, a comporre un mosaico allegro e colorato che riflette tutta la pace e la spensieratezza della campagna.

Casa al mare

Lo scenario cromatico cambia nuovamente per un’altra tipologia di casa, quella al mare. In questo caso, infatti, i colori delle pitture per esterni più adatti saranno proprio quelli del cielo e dell’acqua, vale a dire l’azzurro e il blu nelle loro varie declinazioni, spesso abbinati al bianco che, oltre a dare alla facciata un look pulito ed elegante, permette di “mascherare” la salsedine che, portata dal vento, nel corso del tempo si deposita sui muri.

Il celeste e il blu, invece, possono essere impiegati per valorizzare gli elementi architettonici della casa, creando un piacevole effetto ottico.

Da non dimenticare anche che questi colori sono considerati tra i più rilassanti dell’arcobaleno, permettendo così (anche dal punto di vista cromatico) di godersi le vacanze al mare senza pensieri.

Meno diffuso ma comunque adatto alla casa al mare è anche il rosa antico, colore chic e senza tempo, che si ritrova soprattutto nelle abitazioni patrizie o comunque nei contesti più eleganti.

I tipi di pitture per esterni

Per dipingere facciate e infissi è importante non solo scegliere la tonalità più adeguata, ma anche prestare attenzione al tipo di materiale che si utilizza.

Per esempio, esistono le pitture cosiddette organiche, che a propria volta si dividono in acriliche, silossaniche e acrisilossaniche.

  1. Le prime sono le più facili da applicare, aderendo molto bene a qualsiasi superficie, soprattutto quelle porose e rugose. Per una riuscita ottimale, è consigliabile verificare che il supporto da dipingere sia ben asciutto, poiché la presenza di acqua e umidità può ostacolare sia la penetrazione della vernice che il processo di essiccazione.
  2. La pittura silossanica si distingue invece per un alto grado di traspirabilità, che la rende molto funzionale soprattutto durante il passaggio termico dal caldo al freddo (e viceversa).
  3. La pittura acrisilossanica, infine, rappresenta un compromesso tra le due precedenti, essendo caratterizzata da un buon livello di traspirabilità e da un basso assorbimento dell’acqua.

Oltre alle pitture organiche esistono quelle a base minerale, tra cui le pitture ai silicati – spesso scelte per la loro grande resistenza agli agenti atmosferici, che consente la longevità delle facciate – e quelle a base di calce, apprezzate soprattutto per la loro capacità di conferire agli esterni della casa un particolare effetto mosso, senza quindi che il colore risulti compatto e omogeneo.

Vuoi tinteggiare casa in autonomia? Leggi questo articolo e scopri i nostri consigli su come fare! 

Lascia un commento